Editoriale

Annotazioni#17

Mappe °17


Articolo letto da 688 persone


Bandi&Dintorni

Nel diluvio di finanziamenti per – quasi – ogni cosa qualche riflessione. PNRR, 110%, bonus facciate… sono 17 le misure che contengono un incentivo e definiscono processi e cambiamenti dentro le filiere del progetto e delle costruzioni. Qualcosa di simile a un overbooking normativo con vantaggi fiscali che sta ridisegnando le città, i centri storici, il paesaggio. La qualificazione è un output indubbio – tutto più ordinato, lindo, a norma; la valorizzazione del patrimonio civico nazionale, la qualità urbana come fattore di sviluppo socio economico delle comunità; l’indubbia attrattività turistica che affianca un’idea allargata di residenza, temporanea e permanente. Tutto vero, vero come alcune distorsioni e ripercussioni. La prima è relativa agli impatti sul ruolo, la dignità e il rispetto della professione, sulla sua centralità e necessità. Sul suo valore. Quando si tireranno le righe dei bilanci finali il rischio è che, tra tempi e complessità (follie?) normative, abbia vinto la ruota del criceto. Non è diverso per i bandi che riguardano lo sviluppo territoriale, i borghi e le piccole comunità, le aree interne nelle varie declinazioni, specie e sottospecie. Se la competenza e la qualità dei progettisti culturali non si discute, ed è una bella notizia, c’è da chiedersi come sfuggire – davanti a ingenti risorse – alle insidiose omologazioni mainstream che orientano e stringono le storie di ogni campanile in procedure e processi standardizzati. Tanto sul piano dei contenuti e dei format che le imprese culturali e creative sapranno generare, quanto sul piano dei metodi e della governance pubblica e privata. Laddove questo tempo chiede originalità personalità unicità, ripercorrere gli stessi stilemi – magari concepiti in altre epoche e infilati in qualche cassetto in attesa di tempi migliori – rischia di essere non solo un’occasione persa ma una legacy faticosa con cui convivere. Ma tra questi luci e queste ombre si affaccia un’Italia nuova.

MicroMacro

Sembra una categoria desueta, quasi demodé, vinta dal relativismo – cos’è micro, cos’è macro? Quali sono i criteri? Qual è la relazione tra influenza e dimensione? Micro o macro rispetto a quali rapporti di forza, a chi, a cosa, a dove? Nel racconto di architettura di questo numero si suggerisce una lettura, è territoriale ma soprattutto concettuale.

Omaggio

Era dovuto. Giorgio Morpurgo è una personalità importante e sfaccettata, un intellettuale impegnato, un uomo cólto, professore al Politecnico di Milano. Un architetto e urbanista che, qui nelle Marche, ha contribuito in maniera decisiva alla qualità del tessuto urbano e residenziale di Senigallia. Gianni Volpe lo racconta per grandi appartenenze – la militanza politica, l’impegno culturale, il ruolo di primo piano nel Collettivo di Architettura, e le case più amate, quelle di Milano e Senigallia. Senza dimenticare le case mobili, non meno amate – le sue barche.

Vitalità

Arte, design, grafica, fotografia, editoria, multimedia, impresa. Ricerca e attenzioni non convenzionali sono il respiro ampio di un paesaggio in cammino.

Articoli Correlati


link to page

Architettura

- Riedificazioni
Protagonista la luce
link to page

Arte Report / XXI

La ricerca della natura terza

di Andrea Bruciati

link to page

Architettura

- Allestimenti
All’insegna dell’oro
link to page

Futuro

Buone Notizie

di Emanuele Marcotullio

link to page

Architettura

- Expo Dubai 2020 Padiglione Italia
Softness i-Mesh. Designing the City

di Cristiana Colli Francesca Molteni

link to page

Design

Manifesto progettuale
link to page

Eventi

Festival SEED
link to page

Racconti

Architettura Arte Paesaggio
link to page

Architettura

- Tesi
Terra e acqua che vivono al limite
link to page

Graphic Design

Salpamenti
link to page

Eventi

- Presentazione di Mappe 18
Marzocca Re-Lab.

di Cristiana Colli

link to page

Architettura

- Il Racconto
Giorgio Morpurgo

di Gianni Volpe

Vuoi entrare nella nostra Community?