Visual design

Viceversa vs. Viceversa Come cambiare il proprio punta di vista in caso di lockdown

Mappe °17


Articolo letto da 123 persone


Progetto di Doretta Rinaldi

Viceversa vs. Viceversa
“Come elencare quotidianamente i miei sentimenti mi ha aiutata a superare il (primo) lockdown”
#viceversavs

Viceversa vs. Viceversa è un progetto nato nel 2020, durante la fase iniziale della pandemia di covid 19. Si tratta di una serie di 23 poster (circa 1 ogni 2 giorni) + 3 layouts bonus, disegnati per celebrare le festività 2020 (e l’inizio di un altro lockdown). Il focus: la necessità di cambiare il proprio punto di vista. È un progetto di resilienza, sentimenti, colori, sfumature e… liste. Perché quando mi sento confusa, persa nei miei pensieri o sopraffatta dalle cose da fare, stilare liste mi aiuta a concentrarmi. Ma Viceversa vs. Viceversa, non è (solo) una semplice sequenza di liste: indaga l’importanza delle relazioni umane, sottolinea le nostre vulnerabilità e investiga i confini labili della salute mentale. È piuttosto comune, infatti, provare sentimenti contrastanti, uno dopo l’altro. Viverli come emozioni positive o negative dipende dal punto di vista, dall’attitudine, dal “verso” di lettura. Avere alti e bassi fa parte del mio carattere e nel tempo ho imparato a gestirli. Durante la quarantena, tuttavia, questi sentimenti si sono intensificati, diventando più ricorrenti e intensi.

Doretta Rinaldi è art director e visual designer, lavora principalmente tra Italia, Francia e Paesi Bassi occupandosi di progetti culturali che spaziano da festival di musica antica a mostre d’arte moderna e festival di teatro contemporaneo. Il suo approccio personale e ironico integra stampa, illustrazione, motion graphics, video e media digitali. I suoi progetti sono stati presentati in pubblicazioni e mostre in tutto il mondo. Professional Member di AIAP – Associazione Italiana Design della Comunicazione Visiva, Rinaldi è anche founder e communication manager di Chapeau ! Culture consulting, collettivo di professionisti impegnati nello sviluppo di progetti culturali e di cooperazione europea.

Il mio lavoro di visual designer consiste principalmente nel progettare manifesti. Lavorare a una serie di poster mi è sembrato, quindi, il modo naturale per tenere traccia della “tempesta emotiva” che tutti stavamo più o meno consapevolmente attraversando, proponendo di festeggiare compleanni o anniversari, comunicando con il resto del mondo, ma anche (soprattutto) per coinvolgere amici e familiari lontani, che si sono presi del tempo per pensare e scrivere le loro liste.

All’inizio i poster erano digitali, condivisi attraverso i social media. Poi sono stati stampati, spediti, inclusi in mostre e pubblicazioni in diverse parti del mondo. Nell’estate 2020 uno dei disegni è diventato una t-shirt in edizione limitata, una sorta di cicatrice da indossare. Il layout di ciascun manifesto è semplice e organizzato, con due parti contrapposte che si fondono l’una nell’altra (la vita prima vs. la vita ora). I colori pallidi e primaverili contrastano con il significato profondo del progetto. La tipografia è neutra (Helvetica, what else?): per capire bene di cosa si tratta bisogna leggere attentamente, dedicare il giusto tempo e la giusta attenzione. Ogni poster ha senso indipendentemente dal verso di lettura: non esiste una sola, unica verità. Ogni sentimento, ogni reazione ha la sua motivazione profonda che va semplicemente accettata. Sentirsi arrabbiati, entusiasti, esausti o produttivi va bene. Così come sentire la mancanza di amici e familiari, ma anche delle proprie abitudini. Scegliere di vivere una vita “virtuale”, o isolarsi e spegnere tutti i dispositivi è altrettanto corretto e comprensibile. Senza eccezioni.

I testi dei manifesti sono in inglese, tranne che il poster n. 10, 2020: la lista della mia mamma! Ogni metà contiene un titolo, in alto:

SPRING (?) 2020 VS THE REST OF OUR LIVES e OUR LIVES IN 2020 VS THE REST OF SPRING

un sottotitolo:
SELF ISOLATION ANTI-SOCIAL CLUB. NON-STOP 2-PERSON PARTY / LIVE FROM MY KITCHEN / BEDROOM / LIVING ROOM / BALCONY e ALL TOGETHER SOCIAL PARTY. MASKS DOWN / HUG ME / HOLD ME CLOSE STAY AT HOME BUT ONLY IF YOU WANT TO
al centro: Altri due titoli, che esplicitano il tema del poster (I FEEL / I DON’T FEEL – I MISS / I DON’T MISS …).

Poi la lista, fatta di aggettivi, sostantivi o brevi frasi. La lista non cambia, indipendentemente dal senso di lettura. Quello che cambia è il punto di vista. L’apparente ordine è disturbato e interrotto da forme nere, aggressive, che coprono e nascondono. Traducono in immagine il tema del manifesto, e ne rappresentano la mia interpretazione.

Viceversa vs. Viceversa è anche un’esperienza di realtà aumentata. Ho realizzato tre locandine in edizione limitata (n. 24 / 25 / 26) che, grazie a un’apposita app, prendono letteralmente vita.
www.vimeo.com/user17357300
www.instagram.com/dorettarinaldi
www.dorettarinaldi.com

Articoli Correlati


link to page

Industrial Design

- Spalvieri&Del Ciotto
Un’idea di vita e di progetto
link to page

Pensieri

Le mie Marche

di Massimo Raffaeli

link to page

Architettura

Diagonali sibilline

di Luca Di Lorenzo Latini

link to page

Racconti

Architettura Arte Paesaggio
link to page

Arte / Culture

Tessuti e Lamiere Gabriele Diotallevi

di Riccardo Diotallevi

link to page

Architettura

- Riconversioni
Casa in vigna
link to page

Rivista

Mappe °17
link to page

Architettura

- Tesi
Nuovo Mercato delle Erbe
link to page

Architettura

- Racconti
Float like a butterfly, sting like a bee

di Luca Di Lorenzo Latini

link to page

Eventi

Ivan Tresoldi / Chiamata alle arti
link to page

Progetti

- Rigenerazione urbana / PNRR
METROBORGO MontaltoLab
link to page

Racconti

Architettura Arte Paesaggio

di Giulia Menzietti

Vuoi entrare nella nostra Community?