Arte / Culture

Pittura site–specific alla Mole e quartiere Archi

Mappe °16


Articolo letto da 369 persone


Oliviero Fiorenzi

Vive e lavora a Milano. Ha sviluppato una particolare sensibilità per il tema del paesaggio e attraverso il suo vissuto personale costruisce un complesso apparato segnico figurativo con cui entra in relazione con il contesto in cui realizza installazioni pittoriche e scultoree. Ha esposto in gallerie, fondazioni e musei tra cui: The Address, Brescia, Sonnenstube, Lugano, Fondazione Feltrinelli e La Triennale a Milano, Ex-Dogana a Roma e La Mole di Ancona.

Il progetto di pittura site-specific indaga la relazione tra il quartiere degli Archi e la Mole Vanvitelliana restituendo sulla parete quanto ha acquisito durante la sua routine quotidiana di esplorazione, attraverso l’elaborazione di segni e simboli.

La Mole Vanvitelliana, storico edificio risalente al XVIII sec., sorge su un’isola artificiale all’interno del porto di Ancona. Il Lazzaretto, progettato da Luigi Vanvitelli, era collegato alla terraferma tramite tre ponti. La sua funzione era specifica: far passare un periodo di tempo, alle persone e alle merci arrivate dal mare che entravano nella città. In questa procedura il tempo era definito, oltre che dalla degenza, anche dai limiti spaziali dell’edificio.

La Mole riveste quindi una caratteristica speciale di spazio in relazione al passare del tempo e questa riflessione ha innescato in Oliviero Fiorenzi l’idea di costruire su questo concetto il progetto per la call off line. Open Signs è un progetto che nasce dall’indagine del tempo, e dei tempi, del processo creativo, possibile grazie alla costruzione di una temporalità scandita dal passare dei dieci giorni di residenza, in una routine dal respiro lento. Considerando che la Mole nel tempo ha acquisito diverse funzioni e si trova ora ad essere uno spazio pubblico aperto, l’artista ha creato un progetto che si pone l’obiettivo di formulare un dialogo diretto tra il dentro e il fuori, aperto alle tante esperienze che connotano la vita della città. La routine che Oliviero Fiorenzi ha costruito consiste quindi nel camminare nell’area urbana circostante alla Mole, nel raccogliere informazioni, immagini, memorie, simboli, segni e oggetti che raccontano la storia del luogo e anche la storia del percorso dell’artista nel luogo stesso. Camminare nel quartiere significherà vivere per assorbire e poi per restituire questa esperienza all’interno degli spazi della Mole. In seguito a questo procedimento di assorbimento ed elaborazione, Oliviero Fiorenzi dipingerà quanto tradotto sulla parete espositiva nella corte della Mole.

Articoli Correlati


link to page

Eventi

- Rigenerazione sociale e urbana
Marzocca ReLab

di Cristiana Colli

link to page

Cristiano Toraldo di Francia

Cristiano e Adolfo

di Manuel Orazi

link to page

Architettura

- Tesi
Rinascita di un quartiere razionalista
link to page

Arte / Culture

- mostre
Immensamente Andrea Franceschini
link to page

Futuro

Buone Notizie

di Emanuele Marcotullio

link to page

Arte / Culture

- mostre
Italia in Miniatura

di Jonathan Pierini

link to page

Racconti

Architettura Arte Paesaggio
link to page

Architettura

- Sound design
Il suono a tre dimensioni
link to page

Arte / Culture

- Arte Report / XXI
Un’emotività carsica

di Andrea Bruciati

link to page

Architettura

- Tesi
Tre tesi per Santa Fe
link to page

Archigrafica

Una Moderna Agorà

di Marta Alessandri

link to page

Architettura

- Nuove costruzioni
Semplicità formale e connessioni urbane

Vuoi entrare nella nostra Community?