Architettura
- Film

Softness I-Mesh. Designing the city

Articolo letto da 468 persone


Il filo e la trama tra il mare e le colline,
tra la città e la metropoli, tra dentro e fuori;
il segno e la funzione, il materiale e il progetto,
il paesaggio e la città a venire. 
Softness è un intreccio di storie e di fili.

L’origine è i-Mesh, una visione, un materiale e una tecnologia nati nelle Marche, a Numana, sul Monte Conero, per una sistemica e adattiva dell’architettura radicale, capace di proiettarsi nel progetto contemporaneo con Expo 2020 Dubai. Leggerezza, trasparenza, resistenza, flessibilità e sostenibilità sono parole-chiave. La narrazione sviluppa un percorso di dialogo con architetti e designer, ingegneri e filosofi, accademici e tecnici, e svela processi di ricerca inediti. Con lo sguardo all’ecosistema fragile del nostro tempo.

Il film – attraverso l’evoluzione espressiva e tecnologica di questo materiale – racconta un nuovo modello e un nuovo modo di guardare alla cultura del progetto. Le realizzazioni, le relazioni, i protagonisti nel racconto delle loro visioni, si pongono domande radicali sul senso del progetto e dell’abitare oggi.

Kengo Kuma e la texture, Cristiano Toraldo di Francia e la trasparenza, Benedetta Tagliabue e i materiali confortevoli, Gabriele Mastrigli e la griglia di Superstudio, Werner Sobek e le nuove tecnologie di costruzione, Lucio Blandini e l’architettura sperimentale di Frei Otto, Mark Gabriel e le performance richieste da Expo 2020 Dubai, Ico Migliore e il valore nidificante dei luoghi pubblici, Margherita Palli e la trama in scena, Edoardo Tresoldi e la rete che si autostruttura, Stefano Catucci e gli spazi affettivi delle città, Lorena Alessio e la 15 minutes city, Alberto Fiorenzi –che ha visto il futuro e ha inventato i-Mesh.

Il film sviluppa riflessioni e racconti legati all’epopea del filo – l’impresa e l’essenzialità della materia prima; alla sfida del progetto che chiede di essere puntuale e globale – con ogni applicazione unica e allo stesso tempo esportabile; al materiale con un alto contenuto valoriale – sostenibilità, creatività, citazione, innovazione, unicità, serialità – e prossimo alla cultura sofisticata ed esclusiva della committenza contemporanea. Infine al materiale e al processo, che incorporano gli immaginari e l’iconografia delle tradizioni visive, religiose, spirituali, culturali, artistiche.

Un viaggio, con interviste e immagini di progetti e luoghiBarcellona, Dubai, Milano, Numana, Roma, Stoccarda, Tokyo – segno di una connessione profonda tra le comunità, gli oggetti, gli spazi. Nomadi, liberi, morbidi, leggeri – dentro le stesse ispirazioni, fili di una stessa trama, abitanti dello stesso nido. Un lungo cammino realizzato nel pieno di un’esperienza radicale come la pandemia. Un tempo in cui la Natura ha ricordato all’Uomo l’irriducibilità di una visione comune e sostenibile dell’ecosistema. La necessità del rispetto e dell’ascolto – Softness, appunto.

Un film di Cristiana Colli e Francesca Molteni

Con la partecipazione di (in ordine di apparizione) Alberto Fiorenzi, Cristiano Toraldo di Francia, Gabriele Mastrigli, Stefano Catucci, Margherita Palli, Ico Migliore, Edoardo Tresoldi, Benedetta Tagliabue, Kengo Kuma, Lucio Blandini, Werner Sobek, Lorena Alessio, Marc Gabriel

Prodotto da Muse Factory of Projects

Promosso da i-Mesh

Lingua: italiano / inglese

Durata: 42 minuti

Anno: 2022

Articoli Correlati


link to page

Intervista

L’Architettura Morbida
link to page

Cristiano Toraldo di Francia

Toraldo

di Didi Gnocchi

link to page

Cristiano Toraldo di Francia

Cristiano Toraldo di Francia e il Superstudio

di Gabriele Mastrigli

link to page

Cristiano Toraldo di Francia

Cristiano e Adolfo

di Manuel Orazi

link to page

Architettura

- Sound design
Il suono a tre dimensioni
link to page

Architettura

- Nuove costruzioni
Nella Natura
link to page

Eventi

Tessuti e Lamiere

di Riccardo Diotallevi

Vuoi entrare nella nostra Community?