Graphic Design

Salpamenti L’immagine grafica

Mappe °18


Articolo letto da 284 persone


Micro-festival
Marina di Porto San Giorgio


progetto di
CH RO MO


Salpamenti è un progetto nato dalla collaborazione tra il collettivo tutto femminile Karussell e la Marina di Porto San Giorgio che gestisce il porto turistico della località marittima del Fermano. Il lavoro di Karussell, composto da Matilde Galletti, Lidia Martorana e Marica Riccioni, è quello di riconnettere la provincia ai grandi centri culturali grazie all’arte contemporanea. Hanno portato e fatto conoscere i giovani artisti italiani contemporanei più interessanti al territorio fermano, sollevando un interesse crescente, creando nuove reti e diventando una realtà di valore a livello nazionale.

Con la Marina di Porto San Giorgio, Karussell ha attivato anche L’Approdo, un programma di residenze per artisti con i quali lavorare sul (e con) il territorio, in una piccola rimessa sulla banchina del porto che è, ora, avamposto del contemporaneo. Nella prima settimana di luglio, sulla stessa banchina, si svolge Salpamenti, un side-project dedicato alla comunità dove eccellenze della cultura e dell’enogastronomia animano la cornice del porto turistico. Il progetto grafico di questo festival è frutto di un ragionamento sul mare e come esso si lega fortemente all’introspezione, al pensiero, al ragionare. Un luogo simbolo e ispirazione della nascita (e dell’evoluzione) del pensiero. Sin dal primo momento in cui ci hanno proposto di partecipare, il legame tra le due cose è stato naturale. Già solo immaginare una passeggiata sulla spiaggia d’inverno illumina nella nostra mente un pensiero di pace, di un tempo per noi, di un tempo malinconico (forse) ma spesso necessario. Un po’ come la canzone della Bertè per intenderci. Stare soli con sé stessi e il mare innesca sempre un pensiero o, almeno, per noi è così. Ci si mette di fronte a qualcosa di così misterioso, sconfinato e indomabile che, crediamo, sia impossibile fare altrimenti. Tenendo vivi e saldi questi pensieri, per queste prime due uscite, abbiamo deciso di lavorare sul rapporto mare e mente declinandolo in due diverse maniere, tenendo però saldi alcuni elementi ricorrenti di struttura grafica. Ad esempio la gabbia tipografica, i caratteri scelti e le loro dimensioni, le cromìe. Componenti formali che ci lasciano però liberi di sperimentare e approfondire la tematica.

Articoli Correlati


link to page

Intervista

Ricostruzione sisma 2016

di Pippo Ciorra

link to page

Architettura

- Tesi
Terra e acqua che vivono al limite
link to page

Architettura

- Expo Dubai 2020 Padiglione Italia
Oases in the Desert

di Gianluigi Mondaini

link to page

Bookcase

Rem Koolhaas

di Manuel Orazi

link to page

Racconti

MISA 15.09.2022

di Silvia Lupini

link to page

Progetti

- Marzocca Re-Lab
Moving sign
link to page

Architettura

- Racconti
Bivacco Tito Zilioli
link to page

Imprese

Presse e robot che vedono il mare

di Cristiana Colli

link to page

Pensieri

Le mie Marche

di Leonardo Cemak

link to page

Racconti

Franca Maria Matricardi (1914-96) tra l’ingegneria e l’editoria

di Dalida Delli Compagni

link to page

Rivista

Mappe °17
link to page

Arte

- Spazi per le arti
Oggi è già il domani che desideri

di Serena Pierfranceschi

Vuoi entrare nella nostra Community?