Arte / Culture

Tessuti e Lamiere Gabriele Diotallevi Eclettico ingegnere di passioni

Mappe °17


Articolo letto da 119 persone


Progetto di Riccardo Diotallevi

La mostra trama stile automobilistico e ordisce moda, completando la grande tela di vita tessuta da Gabriele Diotallevi (Jesi, 1923-2007), i cui lembi conosciuti sono quelli di professore del Disegno Tecnico, per trentacinque anni formatore di migliaia di periti industriali, e di ingegnere, progettista di centinaia di costruzioni con lo Studio Albertini, Diotallevi e Ferrari a Jesi. Una vita intorno al disegno, al progetto, alla carta pitturata, in un’elegante ecletticità espressiva di equilibri compositivi, formali e umani. L’esistenza di Gabriele Diotallevi è colma di passioni, sogni e fissazioni, che ruotano tutte intorno ad abiti e carrozzerie.

La mostra ha preso spunto dal ritrovamento di alcune agende del Liceo e del periodo universitario, dove i disegni del costume e dei mezzi di trasporto del Ventennio fascista e del Dopoguerra evidenziano i dettagli stilistici e i toni caratteriali di una generazione alla ricerca di eleganza. Tessuti e lamiere, pensati come materiali di rivestimento del corpo o dei motori, se manipolati nella loro vestibilità da creatività e gusto per la modellazione, divengono generatori di linguaggi espressivi.

Uomini e donne sembrano usciti dalle scene di film del cinema dei Telefoni bianchi, dove i portamenti, la moda e lo stile automobilistico affermano quel diritto alla felicità in contrasto con il dovere del sacrificio per la Patria.Attraverso il talento nel disegno, Gabriele illustra gli ideali d’abbigliamento dell’epoca, donando classe ai personaggi che interpreta. Disegna carrozzerie automobilistiche plasmando stile nelle sagome di autobus che percorrono l’Italia, liberi tessuti che ricoprono una meccanica razionale. La passione dei pullman diventa una vera e propria mania. Iniziata in gioventù con la creazione di modellini in lamiera, perseguita da adulto con la progettazione di frontali e grafiche di pullman reali, consolidata da pensionato con la ripresa del modellismo e del collezionismo di modelli commerciali, ai quali personalizza le grafiche e aggiunge lo sterzo.

Stagioni, 1943. Disegno a china e matita di Gabriele Diotallevi
Donne di strada, 1941. Disegno a china di Gabriele Diotallevi
Uomini d’affari, 1941. Disegno a china di Gabriele Diotallevi
Opere commemorative: Stranger Than Paradise, 2021 (sinistra) e L’ingegnere, 2022. Giancarlo Ercoli

Mentre la sua esigenza di eleganza unita alla dote del buon gusto e ai saperi della moda lo portano alla scelta di sarti d’eccellenza, che confezionano su misura i suoi abiti e camicie. Sono maestri artigiani che divengono fornitori nonché amici per una vita intera. Nelle frequentazioni in quei laboratori, come nelle botteghe rinascimentali, si discute di moda, di tessuti, si scelgono i modelli, e si decidono i tagli per la realizzazione di tutto il guardaroba. Gabriele viene a conoscenza dei segreti sartoriali.

Il figlio, Riccardo Diotallevi, curatore dell’intero progetto, ha messo in connessione un’ottantina di disegni a una collezione di modellini di autobus, incastonando opere artistiche delle medesime tematiche, realizzate da Andrea Boldrini, Giancarlo Ercoli e Gino Sampaolesi. Nel catalogo, stampato per l’inaugurazione della mostra, sono raccolte le testimonianze scritte da Giancarlo Bassotti, critico d’arte, sul rapporto arte e moda; da Roberto Giolito, Head Heritage, FCA, sul car design e da Cristiana Paesani, designer, su moda e uso del tessuto.

Collezione di 40 modelli commerciali con restyling grafico e inserimento meccaniche per sterzo. Realizzazione Gabriele Diotallevi
Scorcio della mostra settore Tessuti
Gabriele Diotallevi Knolling, composizione di componenti autocostruiti e, in vetrina, reperti di modellismo adolescenziale
Think tank, 2021. Ritratto fotografico di Gabriele Diotallevi su tanica in lamiera. Realizzato da Riccardo Diotallevi

Credits


sede/data della mostra

Palazzo Bisaccioni, Jesi
Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi
8 gennaio/6 febbraio 2022

progetto di allestimento

Riccardo Diotallevi
architetto

collaboratori

Deborah Luzi, designer

gruppo di comunicazione

DiotalleviDesign, Jesi
Deborah Luzi, designer
Edoardo Diotallevi (video)

artisti coinvolti

Andrea Boldrini
Giancarlo Ercoli
Gino Sampaolesi

redazione e realizzazione del progetto

2022

imprese esecutrici

Linea Inox snc, Jesi
Center Tecnica snc, Jesi
Ferramenta
Batazzi Nicola snc, Jesi

patrocini

Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi
Comune di Jesi
Ordine degli Ingegneri provincia di Ancona
ADI Associazione per il Disegno Industriale Delegazione Marche, Abruzzo e Molise

foto

Francesca Stroppa

Articoli Correlati


link to page

Archigrafica

Una Moderna Agorà

di Marta Alessandri

link to page

Arte / Culture

Tessuti e Lamiere Gabriele Diotallevi

di Riccardo Diotallevi

link to page

Eventi

- Mappe N°16
FANUM
FORTUNAE
#ARCHITECTURA

di Cristiana Colli

link to page

Architettura

- Expo Dubai 2020 Padiglione Italia
Oases in the Desert

di Gianluigi Mondaini

link to page

Arte

Il canto notturno di un pastore errante alla luna

di Andrea Bruciati

link to page

Architettura

- Riqualificazione urbana
La nuova Piazza Pergolesi Jesi
link to page

Visual design

Viceversa vs. Viceversa
link to page

Architettura

- Nuove costruzioni
Semplicità formale e connessioni urbane
link to page

Eventi

Fano laboratorio del contemporaneo

di Cristiana Colli

link to page

Futuro

Buone Notizie

di Emanuele Marcotullio

link to page

Arte / Culture

Pittura site–specific alla Mole e quartiere Archi
link to page

Architettura

- Riconversioni
Casa in vigna

Vuoi entrare nella nostra Community?